Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di
3 euro per un acquisto minimo di 6 schemi,
5 euro per un acquisto minimo di 10 schemi
10 euro per un acquisto minimo di 20 schemi

Inoltre
Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Come si lavora il ricamo d'arazzo


Prima di addentrarci nei particolari del lavoro con la spiegazione dei punti, è bene comprendere che cos'è il ricamo d'arazzo, almeno a grandi linee.
Per incominciare dovete sapere che il ricamo d'arazzo è la formazione di punti su un tessuto particolare a trama larga, noto come canovaccio. Il canovaccio è costituito da fili verticali e orizzontali intrecciati fra loro in modo da  formare spazi vuoti definiti. I punti in cui si intersecano i fili sono detti maglie.

Il canovaccio è disponibile in varie dimensioni o griglie, c'è il canovaccio a filo semplice, il canovaccio a filo intrecciato e il canovaccio a due fili o canovaccio Penelope. Esistono poi i canovacci stampati che propongono già un disegno indicando anche i  colori e il canovaccio sintetico che risulta modellato in una griglia indeformabile di media misura. Viene venduto in pezzi ed è usato per realizzare borse della spesa, sacchi e sacchetti; solo in rari casi è utilizzato per il ricamo d'arazzo.

C'è poi il canovaccio per tappeti in cui ogni maglia è formata da due fili verticali ritorti che si incrociano con una coppia di fili orizzontali. I fili non possono essere separati.

Questa classificazione generalizzata dei canovacci porta alla suddivisione in due sottogruppi: il canovaccio per i piccoli punti e il canovaccio per i grandi punti. 

Esempi di canovaccio:

canovaccio a filo semplice
canovaccio a due fili (Penelope)


canovaccio a filo intrecciato

canovaccio per tappeti



canovaccio stampato
canovaccio sintetico

I filati più utilizzati nel ricamo d'arazzo sono fatti di differenti fibre, come lana, cotone, seta, acrilico, seta artificiale e filo metallico. La lana è la più usata, perchè ha una fibra molto forte. Il filato deve poter resistere al logorio. Prima di infilare l'ago per qualsiasi punto d'arazzo tagliare il filo in gugliate di circa mezzo metro. Una gugliata più lunga tende a sfilacciarsi durante la lavorazione. Il numero dei capi da usarsi dipende dal filato e dal canovaccio. 

Ma entriamo nel dettaglio con le spiegazioni passo passo: 

(di prossima pubblicazione)
  1. Come fissare i capi, come tenere il canovaccio, metodo di formazione dei punti
  2. I punti del ricamo

Lavori da eseguire:
  1. Cuscini ricamati su canovaccio
  2. Ricamare tappezzerie per sedie
  3. Tappeto a mezzo punto con figurine campagnole  
  4. Tappeto a punto croce su canovaccio
  5. Un quadro naif

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...