Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di 1 euro a schema per un acquisto minimo di 5 schemi, naturalmente ogni schema in più ti costerà solo 1 euro.

Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro, in pratica 0,50 centesimi ciascuno.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Come dipingere sulla stoffa

Dipingere sulla stoffa non è molto complicato e con un po' di fantasia e di abilità manuale potrete rinnovare tovaglie, tende, federe e persino magliette o qualche capo in seta. Benchè  siano in commercio molti prodotti differenti e ogni marca presenti caratteristiche peculiari, le operazioni da compiere sono comunque semplici e in tutto simili a quelle per l'uso delle tempere. I colori si applicano puri o diluiti, dopo aver riportato sul tessuto il disegno a matita. Per impratichirvi e prendere la mano potete cominciare a esercitarvi sulle magliette bianche in filo sottile oppure sui fazzoletti in cotone. Per la seta esistono in commercio diversi tipi di pitture speciali che si applicano con l'aiuto di un tiralinee (evitando così che i colori sbavino o si sovrappongano l'uno all'altro).




Preparazione.
A prescindere dal metodo di applicazione del colore esistono alcune regole da seguire per assicurarvi che la superficie del tessuto riesca ad assorbirlo correttamente.

  1. Pulitura del tessuto. Tutti i tessuti devono essere puliti, asciutti e privi di sostanze trattanti. Dopo il lavaggio, perciò, non inamidate la stoffa. Stiratela con attenzione in modo da ottenere una superficie liscia su cui lavorare.
  2. Fogli protettivi. Nei capi confezionati bisogna infilare un foglio di politene sotto lo strato da dipingere, per evitare che il colore trapassi il tessuto macchiando le altre parti. 
  3. Il disegno. Abbozzate il disegno innanzi tutto sulla carta, quindi segnatene i contorni sulla stoffa con un tratto molto leggero di matita o con lo speciale pennarello per tessuto (si trova in commercio del tipo a punta fine o grossa).
  4. Prove. Prima di cominciare il lavoro, è meglio provare l'effetto e la consistenza del colore su un piccolo angolino di stoffa, utilizzando una delle tecniche di pittura  descritte più sotto.
Come dipingere sulla stoffa con la tecnica degli stampini

Gli stampini si possono costruire ritagliando le forme desiderate da un cartoncino, altrimenti si acquistano già pronti nei colorifici. Prima di procedere fissate con degli spilli il tessuto su un supporto di cartoncino imbottito con qualche pezzo di tela vecchia.

La posizione dello stampino.
Spruzzate sul retro dello stampino un po' di speciale colla spray usata dai disegnatori, oppure fissatelo al tessuto con alcuni pezzetti di nastro adesivo. Conviene comunque utilizzare lo spray anzichè il nastro perchè garantisce un'aderenza migliore ed elimina anche il rischio di sbavature di colore sotto lo stampino.

Applicazione del colore.
Una volta che lo stampino è sistemato in modo corretto, applicate il colore con il procedimento adatto al prodotto acquistato. I pastelli e i pennarelli si impiegano direttamente sul tessuto. Alcuni tipi di colore si possono applicare con una spugna o con qualsiasi pennello da pittore. Anche una combinazione di pennarelli e pastelli è di grande effetto.

Applicazioni successive.
Accertatevi sempre che il colore sia ben asciutto prima di fissare lo stampino successivo e continuare la decorazione con lo stesso o con un nuovo colore. Al termine del lavoro fate asciugare il capo e passate sul retro il ferro caldo.

Come dipingere sulla stoffa con la tecnica a spugna

Con questo metodo il colore si può applicare direttamente sul tessuto oppure attraverso gli stampini: si ottiene in ogni caso un effetto sfumato molto gradevole. I migliori risultati si hanno con una piccola spugna naturale tamponata su un tessuto di cotone, mussola o seta. Foderate il supporto con carta assorbente da cucina per eliminare l'eccesso di colore e fissate il tessuto perchè rimanga in posizione.

Preparazione del colore. 
Versate una piccola quantità di ogni colore su un vecchio piatto. Inumidite la spugna in acqua pulita. Strizzatela e intingetela nel primo colore; fate poi una prova su un campione di stoffa. Se l'effetto risulta troppo carico inumidite maggiormente la spugna nell'acqua prima intingerla nuovamente nel colore, oppure applicatela con meno pressione sul tessuto.


Come usare la spugna.
Picchiettate lievemente la spugna sul tessuto da decorare, creando a piacere un disegno astratto, molto concentrato oppure a macchie di colore distanziate tra loro. Applicate sempre i colori dal più chiaro al più scuro. Di tanto in tanto controllate le condizioni della carta da cucina: quando risulta troppo impregnata di colore, sostituitela con un foglio pulito.


Nel prossimo post prenderemo in esame la pittura a righe, gli stampi con la patata, la pittura a spruzzo, la tecnica a spatola e la pittura su seta. Seguitemi.


Articoli correlati
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...