Il blog di una donna per le Donne, dove potete trovare schemi gratis per il filet e per il punto croce. Sono presenti anche le rubriche che riguardano la cucina, il cucito e il ricamo classico. Da non sottovalutare la sezione dedicata al giardinaggio, ai consigli di viaggio e alla lettura. Inoltre la rubrica del fai da te vi offrirà sempre simpatiche idee da copiare e realizzare. Non mi resta che augurarvi "BUONA NAVIGAZIONE"

   

Informazioni sugli schemi a punto croce.

Tutti gli schemi a punto croce creati da Professione Donna, possono essere personalizzati nelle dimensioni. Se ti piace un quadro ma ti sembra che sia troppo grande o troppo piccolo, richiedilo delle dimensioni che ti occorrono e cercheremo di accontentarti. Se vuoi trasformare una tua immagine in schema invia la foto e lo staff si metterà all'opera per te.

Tutti gli schemi "originali" presenti sul blog hanno un costo di 2,00 euro (il più basso del web) e vengono inviati per email appena ricevuto il pagamento.

Inoltre l'offerta del blog prevede il costo di 1 euro a schema per un acquisto minimo di 5 schemi, naturalmente ogni schema in più ti costerà solo 1 euro.

Puoi scegliere anche 20 schemi, tra le collezioni presenti sul blog e pagarli 10 euro, in pratica 0,50 centesimi ciascuno.

Per prendere accordi serviti del modulo contatti presente nel blog.

Come si preparano gli sciroppi

Gli sciroppi sono una bevanda tipica dell'estate, infatti le frutta che i mesi estivi ci regalano sono belle, mature e sugose, piene di colore, fatte apposta per essere trasformate in variopinti succhi che sembrano imprigionare il sapore del sole e che costituiranno una buona provvista per tutto l'anno. La preparazione degli sciroppi casalinghi non è affatto difficile né complicata; non occorre particolare abilità, basta un pò di tempo a disposizione e un pò di pazienza.

La preparazione. 
E' essenziale innanzitutto che le frutta siano intatte, sane e ben mature; devono poi essere rigorosamente pulite. Quelle a grappoli vanno sgranate attentamente, per eliminare i grani macolati o guasti e i piccioli, che spesso aderiscono ancora al frutto. A volte, prima di essere cotti, i frutti devono essere fermentati attraverso un periodo più o meno lungo di macerazione, che sarà indicato nelle varie ricette. Ha molta importanza, ai fini della buona riuscita di uno sciroppo, il recipiente in cui la macerazione ha luogo: ricordate che non deve mai trattarsi di un recipiente di metallo. Ottimi inveci i grossi vasi di ceramica o di terraglia verniciata all'interno e anche, ovviamente quelli di porcellana.

La cottura.
Per la cottura delle frutta, il recipiente ideale è quello che serve anche per la cottura delle marmellate, cioè lo zuccotto di rame non stagnato, ma va bene anche qualche altro recipiente di cottura, per esempio di ghisa smaltata, o anche di acciaio inossidabile. Per mescolare le frutta durante la cottura usate un mestolo o un cucchiaio di legno che riserverete esclusivamente a quest'uso. E' importante che non venga adoperato uno dei mestoli o cucchiai di legno che si usano normalmente per cucinare perchè potrebbero trattenere il profumo e il sapore delle pietanze cucinate e trasmetterlo alla frutta. Durante la cottura lo sciroppo può richiedere di essere schiumato; per questa operazione vi servirete della schiumarola di acciaio inossidabile.

La limpidezza.
Lo sciroppo ben riuscito è anche uno sciroppo limpido, dal bel colore sincero più o meno intenso; questa limpidezza si ottiene con la schiumatura ma soprattutto con la filtratura che può avvenire attraverso una garza inumidita posata sul setaccio di crine, o anche attraverso un imbuto foderato all'interno con carta da filtro. La filtratura avviene generalmente prima della cottura finale. Gli sciroppi si imbottigliano quando sono perfettamente freddi e la bottiglia si chiude con un turacciolo di sughero ben calcato e anche legato con uno spago in croce. Le bottiglie vanno tenute poi in luogo fresco. Per l'imbottigliamento è sempre meglio usare bottiglie non troppo grandi, per non tenere poi troppo a lungo la bottiglia cominciata, se, come è probabile, non si fa un larghissimo consumo di sciroppo.

Come si servono.
Gli sciroppi si servono nei bicchieri alti, che possono essere riempiti a metà con ghiaccio pestato e allungati con acqua o con seltz. Si può anche, se si preferisce, mettere in ogni bicchiere, invece del ghiaccio pestato, un cubetto intero di ghiaccio. Il bicchiere sarà accompagnato dal cucchiaio a manico lungo che permette di mescolare bene lo sciroppo, e dalla cannuccia per sorbirlo. Si può aggiungere anche qualche frutto fresco intero, della stessa qualità delle frutta usata per la sua preparazione. Lo sciroppo di arancia o di limone si serve con una fettina di limone o di arancia fresca, messa a cavalcioni sul bordo del bicchiere. Lo sciroppo può anche essere allungato con acqua tonica, questo però se lo sciroppo è di limone o di arancia. Infatti il sapore amarognolo di questa acqua, non si fonde troppo gradevolmente con sciroppi di frutta dolce.

Scopriamo insieme alcune ricette.


Articoli correlati
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...